Ultima modifica: 29 ottobre 2018

Mostra degli Egizi della scuola primaria De Amicis

PARTENZA IN “QUARTA” DELLA MOSTRA EGIZIA ALLA DE AMICIS

Nelle scorse settimane, in contemporanea con lo studio degli Egizi nel programma di storia, durante le ore di arte e immagine, i bambini delle classi IV A, B e C sono stati coinvolti nella creazione di manufatti in pieno stile egizio.
Il progetto ha avvicinato gli studenti al passato glorioso del popolo egizio, attraverso l’uso alternativo di materiali di comune utilizzo, come: garze, piatti e rotoli di carta e, quindi, fatto rivivere l’arte scultorea, orafa e pittorica degli antenati dei nostri attuali artigiani.
Gli scavi, operati dalle abili mani dei bambini delle classi quarte, hanno portato alla luce un tesoro nascosto dal valore inestimabile esposto in mostra nei locali della scuola dal 26-02-2018 fino al 01-03.
I genitori dei neo-artigiani e tutte le classi del plesso De Amicis hanno avuto l’occasione di poter assaporare lo spirito dell’antico Egitto accompagnati da guide d’eccezione, ovvero, gli “archeologi” di classe quarta, in un viaggio che li ha condotti alla scoperta delle tecniche e dei materiali utilizzati per la realizzazione dei lavoretti: collari dorati e bracciali tempestati di pietre preziose (lapislazzuli/smeraldi/corniole), papiri multicolori e scarabei dal “potere magico”.

 

 

Questa esperienza ha permesso di approfondire le tecniche di stesura e sfumatura del colore, manipolare ed incidere la pasta modellabile e conoscere nuovi strumenti di lavoro, come la carta carbone, la gomma crepla e la polvere di caffè o banali stampi per dolci in silicone. Grazie al contributo dei genitori, alla mostra è stato possibile ammirare la riproduzione fedele del busto del Faraone Tutankhamon, il plastico delle piramidi di Giza, l’occhio di Horus e una “personalizzazione” della Stele di Rosetta, che reca impresso un cartiglio del luogo di ritrovamento del tesoro: laSCUOLA DE AMICIS, entrata negli annali della storia, grazie all’impegno degli alunni delle classi IV A-B e C, a cui tutti noi adulti non possiamo che rivolgere un sentito GRAZIE!




Link vai su